Cicliste Per Caso: Pebbles, Positive Impact and Exploring Sicily by Bike

Linda and Silvia’s relationship has been punctuated by long rides and a love of adventure. Keen to lead by example and show more women going on adventures by bike, they blog and document their adventures as Cicliste per Caso and have set up the MIA WOMAN RIDE. Here they explore how small actions can inspire positive changes and tell us about their latest adventure, exploring Sicily by bike over Christmas.

//

Cicliste per Caso: gravel, women empowerment e la Sicilia in bikepacking

La relazione tra Linda e Silvia è costellata da lunghi viaggi e dall’amore per l’avventura. Desiderose di dare l’esempio e mostrare che anche le donne possono intraprendere avventure in bicicletta, documentano i loro viaggi tramite il blog e i social media come Cicliste per Caso, e organizzano la MIA WOMAN RIDE. In quest’intervista ci raccontano come anche delle piccole azioni possano ispirare cambiamenti positivi e la loro ultima avventura: un viaggio in bikepaking in Sicilia durante il periodo natalizio.

Reading time:

Article available in EnglishItaliano

English

Silvia and Linda pose next to a bike

 

When Linda and I first started dating, more than 8 years ago, we immediately connected over a common passion for cycling. We began riding together more frequently, gradually increasing the length of our adventures, but the trips were never longer than 2 or 3 days. One day I asked Linda to come with me on a considerably longer ride – the 1,200km long Carretera Astral through Chilean Patagonia. It would be our first ‘proper’ long journey by bike, but we couldn’t resist the sound of the adventure and so we travelled to South America to tackle the legendary dirt road, running between fjords, glaciers and untouched nature from Puerto Montt to Villa O’Higgins. In hindsight, we were totally unprepared for such a long bike adventure: we were not fit enough, we carried far too much gear, our mechanical skills were poor and we had neither maps nor GPS with us. But despite all our shortcomings, we ended up falling in love with this type of bike travel.

After our tour in Patagonia, we started planning all our holidays by bike, and the shared time on the road began to shape our relationship. It’s never easy to go on an adventurous journey by bike with someone else: you are in close-contact 24 hours a day, there’s no privacy, you often struggle with the riding at different times. Being in a couple while embarking on this way of life helps a lot with the dynamic, as we know each other well and can easily read the other’s emotions. Spending time together on the road makes us communicate even more, helps us understand each other better and strengthens our relationship.

Linda and Silvia ride their bikes along a beach in Sicily

Over the last few years, we’ve been on several longer trips; across the length of Italy, all the way to London from Milan, around Slovenia and also to Andalucía. We even travelled to North America to cycle the Great Divide from Canada to the border of Mexico. That one was one of our longest journeys – 4,000 km through the Rocky Mountains – and our documentary on the trip ‘Cicliste per Caso – Grizzly Tour’ is on Amazon Prime (Italy) and Netflix (Europe).

Part of the reason that we put effort into blogging and documenting our rides, is to lead by example and show more women going on adventures by bike. If you don’t see something happen, you might feel it doesn’t exist, or that it’s not possible to do. Everybody needs positive examples they can relate to, to find the courage to do something they have never done before. We’ve always tried to involve more women and share our two-wheeled adventures with them.

Last year, we took things a step further and set up the MIA WOMAN RIDE, with the aim of encouraging more women to travel by bike, to be independent and brave. The 200km ride from Milan to Verona was spread over 3 days and was the first bikepacking event in Italy for women only. The event is just a small pebble that we’ve thrown into the sea, but one which we feel is important, as all positive changes start with small actions.

At the first edition, a beautiful team spirit was spontaneously created, making the ride even more special. The unexpected companionship between the youngest and the oldest participants was really rewarding to see. Having so many women at the first edition made us understand that we are doing something that is meaningful to a lot of other people, and we can’t wait for the second edition in September 2022.

Linda looks out over a Sicilian town from a balcony stood next to her bike

A view of a traditional workshop, with pictures and tools on the wall

Linda and Silvia pose in front of ancient columns

The experience of travelling by bike is very different whether you ride solo, as a pair, or as part of a large group. As much as riding in a larger group can be incredibly rewarding, it also means we appreciate the time we spend on the road by ourselves, and we still try to get away on our own adventures when we can.

During the recent Christmas holidays, we chose to ride in Sicily to escape the cold of northern Italy. There is still plenty of this country that we are yet to explore and Sicily is an island that can be enjoyed all year round, thanks to endless hours of sunshine, hot summers and short, mild winters. It’s a wonderful land, rich in monuments, enchanting beaches, amazing nature and archaeological sites. Riding Sicily in winter allowed us to visit its treasures without the summer crowds and was just amazing!

We cycled 650km with 6,800m climbing over ten stages. In Sicily, it’s impossible to go fast and grind kilometres without stopping, because there are too many places that deserve to be visited. The food is incredible and the hospitality is even warmer than the climate!

We arrived in Palermo by ferry from Genoa (after a long 22 hours at sea), and from there we started riding counterclockwise. Initially, the intent was to follow the coastline, but soon we began to make detours – something that’s easy to do when you are riding as a pair. It was the hinterlands that hit our hearts, with the sunny landscapes and beautiful colours (even if we had to pay attention to stray dogs!).

Silvia and Linda stand in front of their bikepacking bikes with a church behind them

A close up view of a gargoyle on a church

Of the seven UNESCO sites in Sicily, we visited several: Palermo and its Arab-Norman heritage; Valley of Temples, the Archaeological Area of ​​Agrigento; Siracusa, the largest and most beautiful Greek city according to Cicero; the Baroque cities of Val di Noto, the last legacy of the Sicilian nobility. But we fell in love with many other places too: the amazing land art Cretto of Burri, the Dancing Satyr statue of Mazara del Vallo, Selinunte temples, the natural wonder Scala dei Turchi, the orange groves of Ribera and the sea of ​​Avola, Catania.

We travelled light, without tents and camping gear, because out of season in Sicily it’s very easy to find nice and cheap accommodation. We used a minimal Apidura Expedition Series bikepacking set-up, which suited our style of riding. Having a lightweight setup makes it even easier to ‘go with the flow’ and take each day as it comes.

Riding with others is always a balancing act, regardless of whether you are travelling as a pair or moving with a peloton of 100 others. We’re always grateful for the time we get to spend bikepacking as a couple, but when we get home, we find ourselves even more excited to share the experience with others. Hopefully at the MIA WOMEN RIDE this year we’ll get to do just that – with even more company to share the ride with.

Silvia pauses on a Sicilian road to drink water

Italiano

Silvia and Linda pose next to a bike

 

Quando Linda ed io abbiamo iniziato a frequentarci, più di 8 anni fa, abbiamo subito scoperto la passione comune per la bicicletta. Abbiamo iniziato a pedalare insieme aumentando gradualmente la durata delle nostre uscite, fino a intraprendere dei piccoli viaggi, ma mai più lunghi di 2 o 3 giorni. Un giorno però ho chiesto a Linda di venire con me in un viaggio decisamente più lungo: la Carretera Astral, 1.200 km nella Patagonia cilena. Sarebbe stato il nostro primo “vero” lungo viaggio in bicicletta, non abbiamo resistito al richiamo dell’avventura e così siamo partite per il Sud America per affrontare la leggendaria strada sterrata che corre tra fiordi, ghiacciai e natura incontaminata da Puerto Montt a Villa O’Higgins. Con il senno di poi, eravamo totalmente impreparate per un’avventura del genere: non eravamo abbastanza allenate, abbiamo portato troppa attrezzatura, le nostre capacità meccaniche erano scarse e non avevamo né mappe né GPS con noi. Ma nonostante tutto, ci siamo innamorarci di questo modo di viaggiare.

Dopo quella prima avventura in Patagonia, abbiamo iniziato a organizzare tutte le nostre vacanze in bicicletta, e il tempo condiviso pedalando ha iniziato a plasmare il nostro rapporto. Non è mai facile intraprendere un viaggio avventuroso in bicicletta con qualcun altro: sei a stretto contatto 24 ore su 24, non c’è privacy, spesso fai fatica a pedalare con qualcuno che va ad una velocità diversa dalla tua. Essere una coppia sicuramente facilita le dinamiche di viaggio, ci si conosce talmente bene che si riesce a capire le emozioni dell’altro. Trascorrere del tempo insieme in viaggio ci fa comunicare ancora di più, ci aiuta a capirci meglio e rafforza il nostro rapporto.

Linda and Silvia ride their bikes along a beach in Sicily

Negli ultimi anni abbiamo fatto diversi viaggi lunghi: su e giù per l’Italia, da Milano a Londa, in Slovenia e in Andalusia. Abbiamo anche viaggiato in Nord America lungo la Great Divide, 4.000 km dal Canada al confine con il Messico attraverso le Montagne Rocciose. È stato il nostro viaggio più lungo, che ora è diventato un documentario che si può vedere su Amazon Prime (Italia) e Netflix (Europa): “Cicliste per Caso – Grizzly Tour”.

Uno dei motivi per cui ci impegniamo a documentare le nostre avventure è dare un esempio, nel nostro piccolo, mostrare che anche le donne possono intraprendere delle avventure in bicicletta. Se non vedi una cosa, puoi pensare che non esista, che non sia possibile. Tutti hanno bisogno di esempi positivi con cui relazionarsi, per trovare il coraggio di fare qualcosa che non hanno mai fatto prima. Per questo cerchiamo di coinvolgere sempre più donne e condividere con loro le nostre avventure in bicicletta.

L’anno scorso abbiamo fatto un ulteriore passo avanti e organizzato la prima edizione della MIA WOMAN RIDE, con l’obiettivo di incoraggiare sempre più donne a viaggiare in bicicletta, ad essere indipendenti e coraggiose. È stato il primo evento di bikepacking in Italia per sole donne: abbiamo pedalato 200 km da Milano a Verona in 3 giorni. L’evento è ovviamente solo un piccolo sassolino che abbiamo gettato in mare, ma che riteniamo molto importante, poiché tutti i cambiamenti positivi iniziano con piccole azioni.

Alla prima edizione si è creato spontaneamente un bellissimo spirito di squadra, che ha reso l’evento ancora più speciale. È stato veramente bello vedere come le partecipanti più giovani e quelle più anziane abbiano interagito e si siano legate, non ce lo aspettavamo. Come non ci aspettavamo così tante donne alla prima edizione: ci ha fatto capire che stiamo facendo qualcosa di importante anche per molte altre persone. Adesso non vediamo l’ora che arrivi la seconda edizione a Settembre 2022.

Linda looks out over a Sicilian town from a balcony stood next to her bike

A view of a traditional workshop, with pictures and tools on the wall

Linda and Silvia pose in front of ancient columns

L’esperienza di un viaggio in bicicletta varia molto in base a come si affronta: da soli, in coppia o come parte di un gruppo più grande. Pedalare con un gruppo numeroso per noi è incredibilmente gratificante, ma ci piace sempre molto anche viaggiare da sole, in coppia. Appena possibile cerchiamo sempre di partire per una nuova avventura.

Durante le recenti vacanze di Natale, abbiamo scelto di pedalare in Sicilia per sfuggire al freddo del nord Italia. Ci sono ancora parecchie zone del nostro paese che vogliamo esplorare in bici e la Sicilia è un’isola godibile tutto l’anno, grazie a infinite ore di sole, estati calde e inverni brevi e miti. È una terra meravigliosa, ricca di monumenti, spiagge incantevoli, natura straordinaria e siti archeologici. Pedalare in Sicilia d’ inverno ci ha permesso di visitare i suoi tesori senza la folla estiva ed è stato semplicemente fantastico!

Abbiamo pedalato 650 km con 6.800 m di dislivello in dieci tappe. In Sicilia è impossibile andare veloci e macinare chilometri senza fermarsi, perché ci sono troppi posti che meritano di essere visitati. Il cibo è incredibile e l’ospitalità caldissima.

Siamo arrivate a Palermo in traghetto da Genova (dopo 22 lunghe ore di navigazione), e da lì abbiamo cominciato a pedalare in senso antiorario. Inizialmente l’intento era di seguire il periplo, ma ben presto abbiamo cominciato a fare delle deviazioni, ed è soprattutto l’entroterra che ci è rimasto nel cuore con i suoi paesaggi assolati e i colori avvolgenti, anche se spesso abbiamo avuto paura dei cani randagi.

Silvia and Linda stand in front of their bikepacking bikes with a church behind them

A close up view of a gargoyle on a church

Dei sette siti UNESCO della Sicilia ne abbiamo visitati diversi: Palermo e la sua eredità arabo-normanna; l’Area Archeologica di Agrigento (Valle dei Templi); Siracusa, la più grande e la più bella città greca secondo Cicerone; le città tardo barocche del Val di Noto, ultima eredità della nobiltà siciliana. Ma tanti altri luoghi ci hanno affascinate: dal Cretto di Burri al Satiro Danzante di Mazara del Vallo, Selinunte, la Scala dei turchi, gli aranceti di Ribera, il mare di Avola, Catania…

Abbiamo viaggiato leggere, senza tende e senza attrezzatura da campeggio, perché fuori stagione in Sicilia è molto facile trovare alloggi belli ed economici. Abbiamo utilizzato un allestimento minimo di bikepacking Apidura Expedition Series, che si adattava perfettamente al nostro stile di viaggio. Avere una set-up leggero rende ancora più facile vivere l’avventura giorno per giorno, come viene.

Viaggiare con gli altri è una questione di equilibrio, indipendentemente dal fatto che si viaggi in coppia o ci si muova con un gruppo di altre 100 persone. Siamo sempre molto felici del tempo che riusciamo a dedicare al bikepacking di coppia, ma quando torniamo a casa, poi, siamo ancora più entusiaste di poter condividere l’esperienza con gli altri. Alla MIA WOMEN RIDE di quest’anno speriamo di riuscire a fare proprio questo: condividere la strada con un numero ancora maggiore di donne.

Silvia pauses on a Sicilian road to drink water
Share